Speciale Sposi

Vi state sposando? Non perdete l'occasione della nostra Lista di Nozze...

Music online

There seems to be an error with the player !

 4 visitatori online

SeychellesEsistono dei luoghi al mondo dove la natura ha dato origine a forme e colori unici, paesaggi mozzafiato e lagune immacolate, dove i profumi e gli odori della giungla lambiscono le bianche spiagge coralline. Un’ evocazione del paradiso terrestre, questo sono le Seychelles, 88 tra isole, isolette e scogli, sparsi nell’ immensità dell’ Oceano Indiano, di cui solo 36 abitate. Le Seychelles sono il solo arcipelago al mondo composto contemporaneamente di isole coralline e di isole granitiche. Un viaggio alle Seychelles è un viaggio nella natura più spettacolare dell’ Oceano Indiano, al di fuori delle rotte cicloniche e sismiche, un vero Eden.
Le Seychelles hanno fatto dell’ ecologia una bandiera: il 46% del territorio è Parco Nazionale, riserva o area protetta, mentre 88 miglia quadrate di mare sono Parco Marino. In questa zona è proibito pescare e raccogliere coralli e conchiglie, la pesca subacquea col fucile è stata bandita da tutto l’ Arcipelago più di 20 anni fa. Alle Seychelles vivono circa 2000 specie di piante tropicali.
Le isole attrezzate per il turismo sono meno di 10, nessun albergo può essere più alto di un “cocotier” e il numero dei turisti ammesso è al massimo di 150.000 l’ anno. Il cliente “tipo” per un viaggio alle Seychelles è sicuramente un viaggiatore attento e amante della natura.
Il turista avrà a disposizione diverse opportunità alternative al soggiorno mare come: trekking, percorsi in bicicletta ed escursioni nelle foreste accompagnati. Da sempre meta turistica di gran pregio, iniziano ad essere un po’ più accessibili dal punto di vista economico. Dopo circa 9 ore di volo diretto, si giunge sull’ isola principale Mahé, la quale ha oltre 60 spiagge, considerate tra le più belle del mondo: distese di finissima sabbia bianca tra palme da cocco e rocce di granito rosa e grigio. L’ interno dell’ isola è completamente ricoperto da una giungla di alberi esotici dai mille colori e dai profumi intensi. La più frequentata delle spiagge di Mahé e quella di Beau Vallon, adatta alle famiglie, ma anche a chi ama praticare gli sports nautici, è infatti attrezzata per tutti gli sports, compreso il paracadutismo ascensionale. Sono presenti numerosi centri subacquei, presso tutte le principali strutture alberghiere.
Il paradiso dei surfisti è la spiaggia di Grand’ Anse, dove le onde raggiungono spesso i 3 mt. Di altezza, mentre Anse Royale è il posto ideale per chi vuole godersi in tranquillità una splendida spiaggia: si trova a sud dell’ isola. Da segnalare anche Petite Anse, detta anche “laguna blu” per il colore delle acque che la lambiscono. Chi non si accontenta di un soggiorno tutto mare  e sole, può facilmente noleggiare un’ auto per fare il giro dell’ isola, ma chi non se la sente di guidare (la guida è a sinistra) può utilizzare gli autobus pubblici che raggiungono ogni angolo di Mahé. Una buona strada percorre la costa, mentre una serie di strade interne ben tenute corre tra le montagne collegando con itinerari spettacolari i due versanti dell’ isola. Nella variopinta capitale Victoria merita una sosta il vivacissimo mercato, aperto dalle 6 del mattino. Il giorno più vivace è il sabato, quando i venditori arrivano da tutta l’ isola carichi di fiori, frutta, verdura  e pesce. Sugli alberi intorno al mercato sono appollaiati i madam paton,  specie di aironi bianchi, in attesa degli scarti. Da visitare anche  i resti della missione anglicana sul Monte Copolia e Il Jardin du Roi, un giardino botanico di sole spezie e piante aromatiche. A nord dell’ isola, all’ altezza di Glacis, da non perdere, uno dei più bei tramonti dell’ Arcipelago, col sole che cala alle spalle dell’ isola di Silhouette.
A 15’ di aereo da Mahé (2 ore di battello), Praslin è la seconda isola delle Seychelles e ospita sulla costa nord-occidentale la più spettacolare spiaggia dell’ isola: Anse Lazio, un chilometro di sabbia soffice e bianca interrotta, alla foce di un torrente, da massi di granito levigati dall’ Oceano. Alle spalle, torreggianti palme da cocco. Le sue acque sono l’ ideale per lo snorkeling. Si raggiunge con l’ autobus che fa il giro dell’ isola e si ferma ad un chilometro dal mare, oppure noleggiando una Mini Moke, auto scoperta tipo Meari. Praslin ha il cuore di granito che attraversa la sua parte centrale formando la Vallée de Mai, una foresta preistorica diventata Parco Nazionale e dichiarata patrimonio dell’ umanità dall’ UNESCO. Qui si possono ammirare piante rarissime e una decina di varietà di palme, tra queste il “coco de mer”, albero che cresce solo qui e produce un frutto “malizioso” composto da una doppia noce, ha una forma che ricorda …una parte femminile! Un’ attrezzata rete di sentieri permette di compiere lunghi trekking nella foresta in assoluta tranquillità. Tra i rami si scorge facilmente il pappagallo vasa, un uccello che vive solo a Praslin. Sulla costa nord si trovano altre belle spiagge: le isolate Anse Boudin, Anse Takamaka, Anse Possession, e la più mondana Anse Volbert. Più nota come Cote d’ or, a ridosso di questa ci sono un piccolo villaggio e  buona parte degli alberghi dell’ isola, di fronte si trova l’ isolotto di Chauve-Souris, un pugno di rocce coronato da palme.
Poco più a sud di Praslin, raggiungibile solo via mare, l’isola di La Digue: è uno spazio senza tempo, senza tubi di scappamento, senza asfalto, non esiste aeroporto e le auto autorizzate a circolare sono in tutto 6. Per muoversi sull’ isola ci sono i pittoreschi carri trainati dai buoi o le biciclette.
E’ un posto unico nell’ ambito dei paradisi tropicali: un blocco di granito rosa modellato dal vento e dal mare, ispido di palme, bordato di spiagge bianche, circondata dal reef e da un mare da cartolina. L’ interno dell’ isoletta è dominato da una collina ricoperta da una fittissima foresta di palme, takamaka e flamboyant, dove è possibile avvistare esemplari della “vedova del paradiso”, rarissimo uccellino dalle piume nere e dalla lunga coda sottile. Nell’ interno merita una visita la piantagione di Union Estate, una vecchia fattoria coloniale restaurata e oggi sorta di museo all’ aperto sugli antichi metodi di lavorazione di cupra e cocco. Tra laghetti di ninfee e campi di cannella e vaniglia sono disseminate variopinte casette coloniali gialle, rosse e bianche. A mezz’ora di volo da Mahé, Bird Island è il sogno di tutti gli ornitologi: da aprile a settembre vi nidificano un milione e mezzo di rondini di mare e altri volatili, da ottobre a marzo è invece il rifugio dei migratori in arrivo dall’ emisfero settentrionale. L’ isola è un piatto banco corallino con meno di 150 abitanti, è privata ed è attrezzata con un solo piccolo resort. Fra le curiosità locali c’è Esmeralda, la mascotte dell’ isola, una tartaruga gigante, maschio, a dispetto del nome, ha 170 anni e coi suoi 304 chili è entrata nel Guinness dei Primati. Tra le altre isole Denis Island è quella più adatta a chi non ne può più del caos e della modernità. Per garantire la quiete totale, qui non sono ammessi turisti di giornata e il soggiorno minimo sull’ isola è di tre giorni. Chi ha l’ animo dell’ eremita si troverà senz’ altro bene sull’ isola di Frégate, lunga 2 Km e larga 1300 m. con 5 spiagge bianchissime a disposizione.

CLIMA: Tropicale e costante tutto l’ anno con temperature
tra i 24° e i 30. Il periodo più caldo e umido va da Novembre ad Aprile, il mese più piovoso è Gennaio, mentre da Maggio ad Ottobre le temperature sono più fresche e il clima più secco.